Italy
  • Austria
  • Belgium
    • Flemish
    • French
  • Canada
    • English
    • French
  • Denmark
  • France
  • Germany
  • Ireland
  • Italy
  • Norway
  • Poland
  • Portugal
  • Spain
  • Sweden
  • Switzerland
    • German
    • French
    • Italian
  • The Netherlands
  • United Kingdom
  • United States

World Water Day: risparmiare acqua un pasto alla volta

March 22, 2023

Pasta, pizza, insalata, e altro ancora: Too Good To Go fa luce sull'impronta idrica di alcuni alimenti di uso quotidiano


Lanciata nel 2016, Too Good To Go è oggi presente in 17 Paesi. La sua comunità in crescita ha contribuito a evitare che oltre 200 milioni di pasti andassero sprecati, un quantitativo pari a 500.000 tonnellate di CO2

Milano, 21 marzo 2023 - In occasione della Giornata Mondiale dell'Acqua, il prossimo 22 marzo, Too Good To Go, B-Corp certificata e il più grande marketplace per le eccedenze alimentari, sottolinea l’impronta idrica degli alimenti che consumiamo quotidianamente, ovvero la quantità d’acqua necessaria per produrli, e sensibilizza l'opinione pubblica sull'impatto dello spreco alimentare anche su questa risorsa. La giornata è stata scelta da Too Good To Go come occasione per sensibilizzare ulteriormente i consumatori e far luce su come anche un semplice gesto di risparmio alimentare possa svolgere un ruolo significativo nel massimizzare le nostre risorse limitate e ridurre le emissioni di gas serra.

RIDURRE LO SPRECO DI CIBO PER RIDURRE LO SPRECO DI ACQUA

La crisi idrica è oggi un problema che tocca tutti: per questo motivo la Giornata Mondiale dell’Acqua istituita dalle Nazioni Unite è un'occasione per riflettere su come e dove utilizziamo le nostre risorse idriche quotidianamente. Secondo il rapporto FAO “Food wastage footprint” la produzione di cibo a livello globale consuma intorno al 70% delle risorse mondiali di acqua dolce. Inoltre, l’enorme quantità di spreco alimentare globale rappresenta il 24% di tutta l'acqua utilizzata per l'agricoltura.

Di conseguenza appare fondamentale come ridurre lo spreco di cibo significhi a sua volta ridurre lo spreco di acqua e quindi contribuire alla conservazione di questa preziosa risorsa. Per esempio, una singola mela richiede circa 125 litri d'acqua per crescere (fonte: Water Footprint) gettarla via significa sprecare con essa anche tutta l'acqua utilizzata per la sua produzione.

“Affrontare la connessione acqua-cibo richiederà uno sforzo di collaborazione da parte dei governi, delle organizzazioni della società civile e del settore privato, oltre a investimenti importanti nella ricerca e nello sviluppo di sistemi idrici e alimentari sostenibili” ha dichiarato Mirco Cerisola, Country Director Too Good To Go per l’Italia. “La riduzione degli sprechi alimentari e la promozione del consumo sostenibile sono al centro della missione di Too Good To Go e siamo consapevoli dell'impatto significativo che lo spreco di cibo ha su diverse risorse. Salvando il cibo dallo spreco, la comunità di Too Good To Go contribuisce non solo a ridurre le emissioni di gas serra associate alla produzione di cibo, ma dà anche dare un contributo significativo alla conservazione delle risorse idriche”. 

PASTA, PIZZA, INSALATA E ALTRO ANCORA: L’ACQUA “NASCOSTA" NEL CIBO DI TUTTI I GIORNI

Le impronte idriche possono variare a seconda del luogo di produzione e dei metodi utilizzati, ma danno un'indicazione delle notevoli quantità di acqua necessarie per la produzione di alimenti. Too Good To Go, in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, ha scelto di evidenziare la quantità d’acqua necessaria per produrre alcuni degli alimenti consumati dagli italiani (fonte Water Footprint) :

Pasta: l'impronta idrica media globale del grano è di 1.827 litri/kg, ovvero 913 litri per un pacchetto di 500 grammi Circa l'80% di questa quantità è utilizzato per la coltivazione del grano. Si tratta di una media globale, che varia a seconda dell’origine del grano. Ad esempio, nel caso dell’Italia, la pasta prodotta con grano locale ha un'impronta idrica di 1.410 litri/kg.

Pizza: l'impronta idrica media globale di una pizza margherita (circa 725 grammi di prodotto) è di 1.260 litri d'acqua. La produzione della mozzarella è responsabile di circa il 50% dell'utilizzo totale di acqua, la farina di grano tenero del 44% e la passata di pomodoro di circa il 6%.

Insalata: l'impronta idrica media globale della lattuga è di 240 litri/kg.

Cioccolato: la produzione di 1 kg di cioccolato richiede circa 17.000 litri di acqua, la maggior parte dei quali viene utilizzata per la coltivazione e la lavorazione dei semi di cacao. Una tavoletta di circa 100 grammi richiede quindi 1 700 litri d’acqua.

Carne (manzo): per chilogrammo di prodotto, i prodotti animali hanno generalmente un'impronta idrica maggiore rispetto ai prodotti vegetali. L'impronta idrica media globale della carne bovina è di 15.400 litri/kg.


RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI: RISPARMIARE RISORSE E MASSIMIZZARE L'IMPATTO POSITIVO

Il recente traguardo di 200 milioni di pasti salvati da Too Good To Go dimostra come le aziende possano svolgere un ruolo vitale nell'affrontare i problemi più urgenti a livello mondiale e avere un impatto positivo sul pianeta. Infatti, lo spreco alimentare non solo si ripercuote negativamente su risorse preziose, come l'acqua, il terreno e l'energia, ma aggrava anche le emissioni di CO2. Con il raggiungimento di questo traguardo, Too Good To Go ha contribuito a risparmiare l’equivalente di 500.000 tonnellate di CO2. Questa è la prova tangibile di come 134.000 partner commerciali attivi e 75 milioni di utenti registrati dell'app Too Good To Go in 17 Paesi abbiano contribuito a lasciare un impatto significativamente positivo sul pianeta.

In Italia i quasi 6 milioni di utenti dell'App Too Good To Go, insieme alle 24.168 aziende partner, hanno già risparmiato più di 12 milioni di pasti, oltre 5 milioni solo nel 2022.

Con il 40% di tutto il cibo che finisce sprecato, lo spreco alimentare ha un impatto enorme sull'ambiente. Dando la possibilità ai singoli consumatori e alle aziende di combatterlo insieme, la comunità di Too Good To Go sta percorrendo una strada più veloce per avere un impatto positivo sul rallentamento del riscaldamento globale, dato che lo spreco di cibo è responsabile del 10% di tutte le emissioni di gas serra a livello mondiale; in un mondo in cui 828 milioni di persone soffrono la fame ogni giorno e lo spreco alimentare è valutato in oltre 1,3 trilioni di dollari all'anno a livello globale. Ecco perché la riduzione ed eliminazione dello spreco alimentare è un impegno importante con impatti positivi su più livelli, tra cui l'ambiente, l'economia e la società.


Riguardo Too Good To Go

Nata nel 2015 in Danimarca con l’obiettivo di ridurre lo spreco alimentare, l’applicazione Too Good To Go è presente in 15 Paesi d’Europa, negli Stati Uniti e in Canada, contando ad oggi oltre 62 milioni di utenti. Nel 2021, secondo il Report App Annie, Too Good To Go è stata l’app più scaricata in Italia nel settore Food & Drink.

Too Good To Go permette a bar, ristoranti, forni, pasticcerie, supermercati ed hotel di recuperare e vendere online - a prezzi ribassati - il cibo invenduto “troppo buono per essere buttato” grazie alle Surprise Bags, delle “bag” con una selezione a sorpresa di prodotti e piatti freschi che non possono essere rimessi in vendita il giorno successivo. Gli utenti della app non devono far altro che geolocalizzarsi e cercare i locali aderenti, ordinare la propria Surprise Bag, pagarla tramite l’app e andarla a ritirare nella fascia oraria specificata per scoprire cosa c’è dentro.

In Italia Too Good To Go è stata lanciata in oltre 600 comuni, conta più di 7 milioni di utenti e ha permesso di salvare più di 12milioni di pasti, evitando così di vanificare l’emissione di oltre 22.500 tonnellate di CO2e impiegate per la produzione degli alimenti.

Per maggiori informazioni: www.toogoodtogo.it.

Per richieste stampa

TEAM LEWIS per Too Good To Go

Alessia Carlozzo | Arianna Cusolito | Michela Loviglio

Mail: toogoodtogoit@teamlewis.com

Tel.: +39 02 36531375

Cell.: +39 351 9469056